Sonett-Archiv

Normale Version: Se Phebo al primo amor non e bugiardo,
Sie sehen gerade eine vereinfachte Darstellung unserer Inhalte. Normale Ansicht mit richtiger Formatierung.
E III

An Messer Pietro Dietisalvi von Siena

Se Phebo al primo amor non e bugiardo,
o per novo piacer non si ripente,
gia mai non gli esce il bel lauro di mente,
a la cui ombra oi i distruggo et ardo.

Questi solo il puo far veloce et tardo,
et lieto et tristo, et timido et valente;
ch’al suon del nome suo par che pavente,
et fu contra Phiton gia si gagliardo.

Altri per certo nol turbava allora,
quando nel suo bel viso gli occi apriste
et non gli offese il variato aspetto;

ma se pur chi voi dite il discolora,
sembianza e forse alcuna de le viste;
et so ben che ‘l mio dir parra sospetto.
Referenz-URLs